E’… ma… non è!

E’ una frazione infinitesima di tempo quella che rimane impressa nell’immagine fotografica. 
E in questo consiste il suo fascino, la sua sacralità, il suo mistero. L’immagine rende vano l’eterno mutare del tempo, vive in una dimensione asincrona rispetto all’esistenza, congela la forma, la fa diventare altro. 
Non è quella che essa era. 
Non è quella che sarà. 
E’… ma… non è! 
E’ quello che il fotografo ha visto… 
Non sarà mai ciò che noi vediamo.

Lascia un commento

Altro... Pensiero e Forma
La forma e la parzilalità della sostanza

Le forme che i particolari assumono hanno senso solo per la prospettiva di chi le coglie. Non possono avere un...

Chiudi

Il box degli articoli precedenti è realizzato con upPrev plugin.