Chi siamo

BENVENUTI SU FRASQUI

Dopo alcuni anni di nomadismo su variegati percorsi nella rete, ritorno al primo approccio, al Blog, che nonostante tutto rimane ancora lo strumento più completo per comunicare “nel mondo”. Le virgolette a sottolineare un’esigenza profonda che il blog mette a disposizione di chiunque voglia fare questa esperienza: comunicare senza nessuna forma, evidente o nascosta, di interazione obbligatoria, nel senso bidirezionale del termine.

Non rappresenta niente di originale, niente che altri non abbiano già pensato e già attuato, ma nasce nella consapevolezza che tutto quello che viene creato in questo campo è sempre troppo poco di fronte alle “potenti armi di distruzione” che la cultura dei “persuasori occulti” riesce a schierare in ogni momento della nostra vita.Non è nemmeno il romantico tentativo di contrapporre l’antico al moderno all’insegna dell’”una volta era meglio”. Ancora meno il velleitario tentativo di riproporre una “Donchisciottesca battaglia del “locale” contro il  “globale”.È invece, molto modestamente, il tentativo di ridare alla cultura locale, alla microstoria, alla tradizione orale, quella dignità che gli compete indipendentemente dal suo valore materiale o, peggio, commerciale.Un’esigenza ancora più impellente in un mondo dove la conoscenza è diventata una merce e le culture vengono forzatamente omologate alle necessità del mercato

La piazza è bella se lascia lo spazio alla contemplazione e alla riflessione; se diventa una prigione di commenti, parole, auguri, inviti a giocare e casi umani a go go, si rischia di preferire il deserto che non è certo l’ambiente ideale per vivere. E allora andiamo in piazza (Facebook, Instagram, Pinterest, G+, Tumblr) quando sentiamo il bisogno di sentire cosa avviene nel mondo che ci circonda o come gli altri leggono il mondo, ma teniamoci stretta la possibilità di ritagliarci il nostro spazio privilegiato e esclusivo: la nostra finestra sul mondo!

Questo, e altro, vuole essere frasqui.it

 

Se vuoi puoi lasciare un messaggio:

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Lascia un commento